Archivi giornalieri: 8 aprile 2009

La pace di Cristo perchè Egli non sia più crocifisso nei poveri e nei diseredati

imgp0277

Sintesi dell’omelia di Mons. Ricchiuti in occasione della Domenica delle Palme.

In comunione con tutta la Chiesa dopo aver celebrato ieri la giornata diocesana della gioventù oggi celebriamo la festa della Domenica delle Palme. Questi panni rossi che richiamano il colore dei paramenti sacri della odierna liturgia richiamano il sangue e il martirio, vogliono riproporre soprattutto ai nostri giovani, speranza della Chiesa, il sacrificio di Gesù, figlio di Dio che porta a compimento la sua obbedienza al Padre. Obbediente fino alla morte e alla morte di Croce.

Questa è una domenica dai due volti, il primo quello festoso; l’ingresso trionfale di Gesù come avevano previsto le scritture, che cioè Gesù sarebbe entrato a Gerusalemme cavalcando un’asina mentre la gente lo acclamava agitando rami d’ulivo e stendendo come tappeti a terra i propri mantelli. Continua a leggere

La Chiesa invita i credenti a mobilitarsi in aiuto dei terremotati dell’Abruzzo

L’Arcivescovo a scritto al Pastore della Diocesi si L’Aquila per esprimergli la solidarietà e assicurare la preghiera della nostra comunità diocesana.

“La Basilicata ecclesiale – ha scritto S.E. – è in comunione orante per le vittime e per quanti in questi momenti sentono sulla loro pelle la sofferenza, il disagio, il distacco dalle persone care, l’angoscia per i giorni avvenire.”

Questa mattina la Caritas Diocesana e l’Ufficio per la Pastorale dei Giovani della Diocesi di Acerenza hanno contattato la Caritas Diocesana di L’Aquila per dire tutta la nostra disponibilità a venire incontro a quanto ci sarà chiesto e in generi di prima necessità e in vestiario o coperte. Così come per eventuale aiuto da offrire in termini di volontariato.

Nel frattempo La Conferenza Episcopale di Basilicata invita tutti “a pregare per le vittime del terremoto, mostrando una solidarietà reale verso quanti ora, in quella regione, si trovano nell’estremo bisogno, perché privati di tutto”. Continua a leggere