Archivio tag: Genzano di Lucania

Un pomeriggio a Castelmezzano

In una bella giornata di sole, con la neve ai bordi della strada, ci incamminiamo verso Castelmezzano.
Ore 14,10 la Presidente di Azione Cattolica Ada Grippo parte da Palazzo San Gervasio, passa da Banzi alle 14,18 dove trova me ad aspettarla. Alle 14,30 siamo a Genzano di Lucania dove incontriamo Pierpaolo Sacquegna. In prossimità di Potenza ci aspetta Don Michele Cillis.
La compagnia è al completo e alle 15,40 raggiungiamo Castelmezzano.
Superfluo dire, per chi conosce bene la zona, che il paesaggio è stupendo, spettacolare e suggestivo, sembra un presepe.
Davanti la Chiesa ci aspetta il Parroco Don Alessandro Paradiso con un gruppo di signore. Dopo i saluti, la Presidente ed io entriamo in Chiesa per l’incontro con gli adulti per parlare di Azione Cattolica, mentre Don Michele con Pierpaolo e Don Alessandro vanno ad incontrare i ragazzi per introdurre il discorso su l’A.C.R..
Quello che più mi ha colpito è stato l’entusiasmo con cui siamo stati accolti e durante l’incontro, dove i partecipanti diventavano sempre più numerosi, mentre Ada si addentrava nel discorso sullo spirito e il modo di fare dell’Azione Cattolica, era evidente l’interesse dei presenti su questa nuova esperienza che si preparavano a vivere.
All’incontro si sono aggiunti Franca Nigro e Don Mimmo Beneventi.
Il discorso diventava sempre più interessante e lo è stato ancora di più dopo la lettura del passo del Vangelo di San Marco (Mc 1, 21-39) sulla giornata di Cafarnao. Continua a leggere

Sette corali per la festa della Dedicazione della Cattedrale romanica

I cento cantori in concerto nella Cattedrale di AcerenzaOltre cento cantori per un grande, unico inno di fede. Si è celebrata qualche giorno fa ad Acerenza, nell’ambito dei festeggiamenti per la Dedicazione della cattedrale romanica, la seconda rassegna di cori diocesani. Da Haydn a Perosi, da Frisina a Van Berchem, le note dei grandi compositori hanno risuonato fra l’abside e le navate del tempio eretto oltre nove secoli fa. Sette le corali partecipanti all’evento: la corale polifonica «Acerenza città cattedrale», il coro parrocchiale «Santa Maria della Platea» di Genzano di Lucania, i due cori di Oppido Lucano, «C. Obadiah» e «Oppidi Cantores», il coro parrocchiale «San Nicola» di Palazzo San Gervasio, la corale polifonica di Pietragalla «Mons. Lorenzo Perosi» e il coro parrocchiale di San Chirico. Sette come le chiavi musicali, sette come le note, declinate in diversi tempi e ritmi nella basilica acheruntina.

Dopo la celebrazione eucaristica del pomeriggio, la rassegna è stata aperta dal «Gloria» di Perosi, eseguito dalla corale «Obadiah» di Oppido Lucano, diretta dal maestro Rocco Baccelliere. A seguire, due brani di Frisina: «Ave mundi spes», proposto dal coro di Palazzo San Gervasio, orchestrato da Maria Franca Simone, e «Signore di ogni bellezza», offerto dal gruppo canoro sanchirichese diretto da Maria Tito. Continua a leggere

Gli alunni e l’Arcivescovo

Pasqua 2007 nelle scuole dell’Arcidiocesi

ACERENZA – Pasqua è una ricorrenza che riempie gli animi delle persone di serenità. Strade, vicoli, negozi sono elementi che permettono di far respirare un’ aria magica. Quest’anno in occasione della Santa Pasqua noi giovani dell’I.T.C. di Acerenza abbiamo organizzato, attraverso uno scambio di opinioni, un incontro con l’Arcivescovo Giovanni.
Con l’aiuto dei nostri docenti abbiamo preparato testi da leggere, cartelloni, sottofondi musicali… aspettando con ansia il grande giorno. Il giorno 5 Aprile, nel nostro istituto, mons. Ricchiuti viene ospitato gioiosamente ed accolto con un clamoroso applauso. Dopo il suo arrivo in mezzo a noi, il preside ci ha invitati alla visione di alcune immagini del filmato “THE PASSION”, dopodiché noi giovani abbiamo letto alcuni testi.
Le immagini e le parole, che hanno caratterizzato quest’incontro, hanno fatto sentire a noi cristiani la presenza di Gesù. Quest’incontro ha suscitato in noi giovani il desiderio di condividere diverse giornate con il nostro Arcivescovo anche al di fuori dell’ambito scolastico. Continua a leggere

“La tua vita per la sinfonia del Sì”

Animazione vocazionale nella Arcidiocesi di Acerenza

Il logo della 44a giornata mondiale di preghiera per le vocazioniLo slogan “la tua vita per la sinfonia del Si”, ha guidato la missione popolare dei Seminaristi del Seminario Maggiore di Basilicata dal 12 al 18 Febbraio scorso nell’Arcidiocesi di Acerenza, precisamente nelle comunità parrocchiali di Acerenza, Genzano di Lucania, Palazzo San Gervasio, Oppido Lucano e Laurenzana. Quest’iniziativa che il Seminario prevede nel suo cammino formativo per i giovani che si avviano verso il sacerdozio, ormai da anni vede i seminaristi visitare le varie diocesi della nostra regione con l’obiettivo di far conoscere la vita del nostro Seminario, ma anche di testimoniare la bellezza della chiamata al sacerdozio ad altri giovani ed alle comunità incontrate.

Le giornate trascorse nelle comunità hanno visto i seminaristi impegnati in varie attività, soprattutto inserendosi nella vita “ordinaria” delle parrocchie. Si è potuto così comprendere la vita e le attività pastorali. Continua a leggere

Dialoghi di speranza

Dialoghi di speranzaQuattro tappe per un cammino quaresimale. E’ il percorso di fede e comunione intrapreso da mons. Ricchiuti, assieme ai giovani, verso la Pasqua. E’ il viaggio quaresimale che ha toccato altrettanti paesi della diocesi: Genzano, Anzi, Tolve e Castelmezzano. Prima delle tappe è stata per l’appunto Genzano di Lucania. Ha fatto da sfondo alla cerimonia la chiesa di Maria SS.ma delle Grazie, dove l’8 marzo si sono radunati i ragazzi provenienti dalla zona nord della diocesi. Dopo il breve saluto di una ragazza della collettività ospitante, l’arcivescovo ha cominciato la sua “lectio divina”. A discapito della traduzione letterale, lezione divina, Sua Eccellenza ha immediatamente sfatato i tabù di un incontro prettamente teologico, rivolgendosi ai giovani in toni confidenziali e “pretendendo” di essere chiamato arcivescovo Giovanni e semplicemente don Giovanni. “La Quaresima è un momento bello per la Chiesa universale – le parole di mons. Ricchiuti – che fa suo il pellegrinaggio di Cristo nel deserto e si pone in atteggiamento di orante attesa verso la Resurrezione del Messia”. Questo momento non dev’essere inteso solo appannaggio delle persone anziane, ma va vissuto dalle nuove generazioni con il loro caratteristico spirito lieto, cercando di riconoscere nel quotidiano la luce di Cristo, “faro acceso sulla nostra esistenza”. Continua a leggere