Il libro della speranza operosa

Presentata a Potenza l’agenda dello sviluppo dell’AC regionale

Alcune fasi dei  lavori dell’Ac regionale“E’ il libro della speranza operosa”. Sono state queste le parole che mons. Agostino Superbo presidente della Conferenza Episcopale di Basilicata ha pronunciato per definire l’Agenda dello sviluppo redatta dall’Azione Cattolica Regionale, presentata al Motel Park il 17 Giugno 2006. Nella sua definizione il senso di una missione per l’Azione Cattolica attraverso due fattori fondamentali: speranza e sviluppo.
Ad introdurre i lavori è stato Nicola Curci, delegato regionale dell’Ac di Basilicata mentre Michele Capriati, docente di Politica Economica presso l’Università di Bari, che ha definito lo sviluppo come “un processo di liberazione dell’individuo che si fonda su cinque libertà: politica, di infrastrutture economiche,di occasioni sociali, di garanzie di trasparenza, e infine di sicurezza protettiva”.
Dopo l’intervento del gruppo di studio per l’Agenda dello sviluppo dell’Ac di Basilicata, la tavola rotonda sul tema “Società civile ed istituzioni: un dialogo nuovo per lo sviluppo”, ha ospitato il governatore lucano Vito De Filippo e Liberato Canadà, delegato della Commissione per i Problemi Sociali e il Lavoro della Conferenza Episcopale di Basilicata. A Paola Bignardi, coordinatrice nazionale di Retinopera, è stato affidato uno spazio di riflessione su “Insieme per una forte presenza culturale: Retinopera e la nuova stagione delle aggregazioni laicali”.
L’Azione Cattolica di Basilicata ha rimesso a fuoco la sua identità e la sua missione anche in vista del Convegno di Verona il cui tema è “Testimoni di Cristo Risorto, speranza del mondo” e di capire che oggi “speranza in Basilicata vuol dire sviluppo”.
La risposta tra di noi è stata unanime: speranza vuol dire sviluppo! Non avremmo potuto parlare di speranza in questo anno associativo 2005/06 senza affrontare il tema dello sviluppo della nostra terra. È nato così il percorso: “Il volto della storia nuova”, dal titolo di uno scritto di Giorgio La Pira: “La prima fondamentale speranza di oggi è la speranza economica e sociale. La scoperta di questa speranza è la scoperta che determina sin da ora il volto della storia nuova”. I frutti delle riflessioni diocesane sono ora contenuti nel testo base dell’Agenda dello Sviluppo della Basilicata, diviso in sei capitoli, uno per ciascun tema affrontato dalle singole AC Diocesane.

Giuseppe Palo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *